Your email:
Your Friends email:
 
Show pictures
 
©
La Madonnina del Pescatore
 
15
92.3

La Madonnina del Pescatore

Refine Search > World > Europe > Italy > Marzocca di Senigallia

Location

Contact info

Lungomare Italia, 1160019 Marzocca di Senigallia
Italy
T+39 071698267

Affiliations

    • Le Soste

    Open

    MTWTFSS
    Lunch              
    Dinner              

    Video's

    Chef's personal info

    Name: Moreno Cedroni
    Date of birth: Unknown

    Readers Rating

       
    Food
    Service
    Decor
    Hip factor
    Location
    Value for money

    Reviews

    Where to sleep in the neighborhood?

    Articles

    lagrandeabbuffata.wordpress.com
    Madonnina del Pescatore – Marzocca di Senigallia (AN)

    Madonnina del Pescatore – Marzocca di Senigallia (AN)

    Il mare increspato lambisce indifferente la spiaggia di Marzocca, due ottuagenari passeggiano e poche auto sfrecciano sulla strada antistante il ristorante, un timido sole e una lieve brezza rendono l’atmosfera assai piacevole.

    Il lungomare Italia, poco dopo le idi di Ottobre, appare desolante come mi aspettavo, le strutture alberghiere si alternano alle leggermente più gradevoli villette private; nulla è più rilassante di una passeggiata guardando le onde. Al piano terra di una palazzina a due piani con vista mare e dipinta di un discutibile color arancione, troviamo l’obiettivo del nostro peregrinare fin dall’alba: la madonnina del pescatore. Per i pochi di voi che ancora non lo conoscessero Moreno Cedroni è uno dei cuochi italiani che hanno saputo trasformare la nostra cucina grazie alla conoscenza del maestro di Cala Montjoi e ad un estro con pochi eguali. Membro dello Jre, l’associazione che raggruppa tutti i giovani cuochi d’europa, di cui è stato presidente e promotore della sezione italiana. 

    Varcando la soglia, accolto dalla gentilissima Mariella Organi (compagna anche di vita dello Chef), pochi minuti prima delle tredici, rivedi “Il film” già visto tante altre volte: uno stellato semi-deserto il sabato a pranzo…

    …e invece la porta nel giro di una mezz’ora si apre senza sosta, ti ritrovi in una sala piena di clientela variegata, dai tre ragazzi che si chiedono cosa sia il sushi a gruppi più numerosi (anche sei) di avventori affezionati.

    Capisci allora che la cucina di Cedroni non è amata solo dagli appassionati, ma dalla clientela del territorio, da chi certamente non associa il gelato al parmigiano ad Adrià o il complesso dolce finale a Quique Dacosta, tuttavia coglie l’unicità di sedere a questa tavola.

    Sul locale, sul suo arredo minimalista si è già detto tanto, aggiungerei che appare studiato per essere illuminato dalla luce artificiale quando il sole ha lasciato l’orizzonte per questo vi consiglio di visitarlo alla sera.

    Per iniziare il gelato al parmigiano tra due cialde, una bollicina (Ca’ del Bosco Cuvèe Prestige) e il pane servito in una porzione per ogni singolo commensale. Partendo dall’alto trovate il pane bianco, al nero di seppia, una tipologia secca e grissini ai semi.

    Ci affidiamo alla cucina per un’ampia degustazione e dopo alcuni minuti ci viene comunicato che seguiremo il percorso “menù creativo” integrato da un paio di sorprese. Ecco la prima: Hot Dog di calamaro con Mayonese di senape (2006).

    Il piatto, ormai celeberrimo per l’idea geniale della lavorazione del calamaro con il budello sintetico, mi è parso più di effetto che di sostanza, in quanto lo stupore che suscita agli occhi è assai minore di quello che lascia al palato. Riporto al fianco dei singoli piatti l’anno di creazione che si trova sulla carta.

    Pinzimonio di germogli (2008). Alla base philadelphia profumato al pepe di Szechuan, verdure baby e spuma di sale, pepe ed olio extravergine. Accompagnata da uno shot di centrifuga di arancie e vodka. Un entrèe con note fresche prima di una sequenza di antipasti eccezionali. 

    Il mare coreografia di crostacei e molluschi (2008). Alla base patata viola e sfere preparate con il brodo di cottura della stessa (a rappresentare la sabbia). I crostacei vengono cotti a bassa temperatura e accompagnati da una maionese al limone ed una salsa di prezzemolo. Sinfonia di colori stupendi con in evidenza la materia prima sublime utilizzata. Dopo la bollicina, iniziamo un percorso di assaggio di vini marchigiani con un Colli Pesaresi Roncaglia 2007 Fattoria Mancini (Albanella 75%, Pinot Nero 25%).

    Tre cucchiai di assaggi (altro fuori menù):

    -Scampo crudo all’arancia con vinaigrette di pomodori (1995)

    -Assaggio di scatoletta di pesce gusto simmental (2002)

    - Capesanta in tempura al nero di seppia, salsa di zucchine e vongole con paranzola croccante (1997).

    Hamburger di gambero rosso, granita al lemon grass e salsa al cocco. Per quanto mi riguarda il piatto che nella pur splendido susseguirsi di sapori della degustazione ha sovrastato gli altri, riuscito alla perfezione il contrasto caldo/freddo tra il gambero con chiara nota di grigliatura e la gelida granita.

    Capasanta, fonduta di formaggio e tartufo bianco di Acqualagna (quest’ultimo leggermente a coprire gli altri due sapori).  Accompagnato dal verdicchio Casal di Serra Vecchie Vigne 2005 di Umani Ronchi.

    Si prosegue con la rivisitazione di un classico: Rigatoni all’arrabbiata con alice fresche e melanzane (2007), creme di prezzemolo alla base e di aglio e latte sopra. Dosaggio magistrale della nota piccante, persistente ma mai troppo accentuata. 

    Tortellini di carciofi con rombo, fegato grasso e riduzione al balsamico (2007). Al centro il fois gras circondato dal rombo brasato e dal tortellino di carciofi e pannocchia. 


    Baccalà con insalata sbollentata e maionese al cappero (2007). Ultima degustazione di vino marchigiano, Tardivo ma non tardo 2004 verdicchio dei castelli di Jesi, Azienda Santa Barbara. 

    Coscia d’anatra arrostita con cavolo capuccio e ficoide glaciale (2008). La coscia viene cotta a bassa temperatura per 13/14 ore poi viene caramellata in superficie. Il risultato è una carne tenerissima all’interno e croccante fuori. Lo chef se la cava egregiamente anche con le carni.. (Brunello di Montalcino Poggio all’oro 1988 Castello Banfi)

    Sorbetto di toma con confettura di fragole e timo al limone (2007). Per la seconda volta un formaggio che diventa gelato, stavolta tocca alla Dop piemontese, un gustoso pre-dessert.

    Bounty di seppia e cocco (2006). Non so cosa mi aspettassi da questo cioccolatino con l’interno di pesce, ma mi ha terribilmente deluso. Perchè è cosi noto? Come per l’Hot Dog di pesce non ci trovo nulla che giustifichi la sua fama, forse che per realizzare un piatto basti un’idea accattivante? Vi parrà paradossale ma su 15/16 assaggi proprio questi due hanno deluso il palato..

    Il bosco speziato, scenografia dolce con ganache di cioccolato e cannella, gelato al pepe rosa, tronchetto di pan speziato con sentore di tartufo, qualche pioppino e gelatine al ginepro (2008). Piatto altamente scenografico, un trionfo di sapori nel sottobosco; tanti ingredienti rendono complesso il giudizio su cui i nostri due blogger stanno ancora discutendo. 

    Nelle mie manine da fata il Pineau des Charentes A. Jullien che ha accompagnato il bosco…

    La nostra bellissima cameriera (non le ho chiesto il nome e neanche il numero, sono proprio un dilettante :-) ) prepara davanti al nostro tavolo lo zabaione ghiacciatissimo. (-196 gradi). Croccante all’esterno e gustoso all’interno, questa volta un giochino interessante.

    Prima del caffè i cinque cioccolatini del Tropico del Cancro (2007). A sinistra, per l’Asia Alga Nori e Thè verde, a destra per l’Africa cioccolato al latte e fondente con spezie, mentre al centro per Cuba Tabacco e Rum, per il Guatemala pepe rosa e caffè e infine sale zenzero e mais alle Hawaii.

    Caffè accompagnato da un sorbetto all’anice e cremino.

    Nel complesso un pranzo che ricorderò negli anni soprattutto per la sinfonia iniziale di antipasti di mare, vorrei ripassare presto per assaggiare alcuni piatti storici come il brodetto alla senigalliese o i tortellini liquidi di parmigiano con carne cruda. La cucina di Cedroni, ricchissima di sostanza oltre che coreografica, ha pienamente convinto. Una nota di merito al servizio che, con la sala piena, è stato sempre sorridente ed efficientissimo; bello anche vedere che non si lesina il rabbocco dei calici. Infine ringrazio sentitamente la bravissima moglie dello chef, per averci guidato in una degustazione ancor più ampia di quella in menù, per aver risposto prontamente alle nostre domande e soprattutto per aver sopportato la nostra presenza per quasi quattro ore. 

    Se volette leggere il menù:

    http://www.morenocedroni.it/madonnina/menu.php

    Per dare un’occhiata alla carta dei vini:

    http://www.morenocedroni.it/upload/news/files/1219654265_carta_vini.pdf

    L’Addition: 400 europei (Caffari docet) per: 2 menù degustazione (140 l’uno), acqua (4€ una bottiglia), 2 calici di Franciacorta Ca’ del Bosco (16€ in totale), 6 Degustazioni di vini bianchi marchigiani (36€), 2 calici di Brunello Poggio all’oro (24€), 2 calici di vino dolce (16€), 2 caffè 10€ (5€ cadauno), i restanti 14 per i distillati.

    - lagrandeabbuffata.wordpress.com

     

    The World's Best


    Popular Chefs


    1. Andoni Luis Aduriz - ES
    2. René Redzepi - DK
    3. Joan Roca - ES
    4. Syrco bakker - NL
    5. Timothy Hollingsworth - US
    6. Heston Blumenthal - GB
    7. Peter Goossens - BE
    8. Daniel Humm - US
    9. Pascal Barbot - FR
    10. Daniel Boulud - US

    Popular Cities


    1. Brussel
    2. Sierre
    3. Renteria
    4. Zwolle
    5. Brugge
    6. Chuo-Ku, Kobe
    7. Albufeira
    8. Torriana, Rimini
    9. Illhaeusern
    10. Dublin

    Your Country's Best